Su questo sito usiamo i cookies. Navigandolo accetti.

Nuova App di MeteoVetta

L’applicazione - realizzata dal CSI in collaborazione con Arpa Piemonte,  è disponibile in versione Android, scaricabile su Google Play, e nella versione IOS dell’App Store. ...
Non posso pensare...

Non posso pensare che siamo inutili o che Dio non ci abbia creati. C'è un solo Dio che guarda giù su noi tutti. Noi siamo...

Rifugio Zamboni

Itinerario

 

Lumini per gli Alpinisti.

 
Il primo novembre di ogni anno, tempo permettendo, si svolge l’escursione che ci porta sul ghiacciaio del Belvedere al cospetto della parete Est del Monte Rosa per la posa dei lumini a ricordo dei caduti in montagna.
Quest’anno le condizioni meteorologiche particolari ci hanno permesso di stare in compagnia in una giornata spettacolare, nessuna nuvola se non qualche velatura nel pomeriggio, temperatura clemente per essere il primo novembre. La cerimonia, toccante come sempre, è stata breve ma intensa, con il ricordo da parte del presidente del CAI di Macugnaga, Flavio, dei caduti e della tradizione della posa dei lumini che nasce negli anni 50 circa con una guida alpina, Luciano Bettineschi, che posa i primi lumini a ricordo degli amici scomparsi sul Monte Rosa.
 
 
 
Percorso:
 
La salita al Rifugio Zamboni è semplice e non presenta particolari difficoltà se fatta senza innevamento. Dal parcheggio della seggiovia di Pecetto si segue la strada che porta al Burki. Dall’alpeggio parte un sentiero ben tracciato e segnato che con ripidi tornanti ci porta nella conca dove troviamo il rifugio CAI Saronno ed infine, seguendo  la pista da sci o il sentiero sulla destra del rifugio, arriviamo al Belvedere (punto di arrivo della seggiovia). Questa è la parte più ripida del percorso.
Dal Belvedere si prosegue sulla sinistra e si arriva subito sulla cresta dello spartiacque dove inizia la traversata del ghiacciaio del Belvedere. Passaggio suggestivo anche se il ghiaccio di fatto non lo si vede per il ritiro che avviene ormai da anni, ma pur sempre impressionante e con panorami meravigliosi sia sulla parete Est del Monte Rosa sia su tutta la valle. Raggiunto il versante opposto si prosegue per la cresta dello spartiacque ed in breve si raggiunge l’alpe Pedriola dove risiede il rifugio Zamboni Zappa (ore 2.00).
 
Rientro per il medesimo itinerario.
 
Alternative di rientro possono essere effettuate percorrendo il sentiero che porta ai Piani Alti di Rosareccio.

 

 

Traccia GPS

 

10.9 km, 05:36:11

 

Registrati per scaricare la traccia:

 Escursione effettuata il 1 novembre 2017

Scheda

Tipo Trekking
Tempo 4.00
Difficoltà Facile
Dislivello 700 metri
KM 11
Periodo maggio-Novembre
La tabella mostra il grado di difficoltà dell'itinerario descritto ed il periodo consigliato per l'escursione. Il percorso è agevole tutto l'anno. In inverno verificare le condizioni della pista con i gestori del rifugio

Logistica

Image
Da Milano si percorre l'autostrada Milano-Laghi e si prosegue per Gravellona Toce e Domodossola. Si prende l'uscita per Macugnaga Valle Anzasca e si procede fino alla frazione Pecetto di Macugnaga (VB) dove si trova un ampio parcheggio a pagamento..
 
Image
La ferrovia (linea FS Milano-Domodossola) è il mezzo più indicato. Da Domodossola sono disponibili servizi di autobus fino a Macugnaga.

Rifugi

Zamboni-Zappa   
Numeri Utili

Soccorso Alpino: 118
Comunità Montana valle Ossola: 0324.226611

Meteo
Image
 

Foto

Raggiungere la partenza

Stampa

Maggio 2018
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
30 1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31 1 2 3